Associazione Industriali della Provincia di Vicenza - Notizia internet n. VI21163 del 11/03/2014

Cerca nel nostro sito




Home > Notiziario

Notiziario

Cod. notizia:VI21163


11/03/2014

Codice della Strada. Procedure per l'utilizzo di autoveicoli aziendali da parte di soggetti diversi dall'intestatario per periodi superiori a 30 giorni. Chiarimenti

Si fa seguito alla notizia VI21150 del 28 ottobre, relativa all'utilizzo dei veicoli aziendali, per fornire ulteriori precisazioni sui casi esonerati dai nuovi adempimenti previsti ai fini dell'identificazione del reale utilizzatore del veicolo diverso dall’intestatario, che ne abbia la disponibilità per un periodo superiore ai 30 giorni.

Approfondimenti


Con circolare del 27 ottobre 2014 il Ministero dei Trasporti ha fornito importanti chiarimenti in ordine all'ambito di applicazione della disciplina che ha introdotto nuovi adempimenti nei casi in cui un soggetto diverso dall'intestatario del veicolo ne abbia la disponibilità per un periodo superiore a 30 giorni. Rispetto alla precedente circolare del 10 luglio 2014, sono stati individuati specifici casi di esonero nell'ambito dell'utilizzo di veicoli aziendali, stabilendo in via generale che l'unica forma di comodato assogettata all'obbligo di notifica all'Archivio Nazionale Veicoli è quella in cui sussiste un uso esclusivo e personale del veicolo in capo all'utilizzatore.

Veicoli aziendali. I casi esonerati
E' stato espressamente previsto l'esonero dai nuovi adempimenti amministrativi nei seguenti casi:
1) l’utilizzo di veicoli aziendali (autovetture) in disponibilità a titolo di fringe-benefit, in quanto il comodato non si verifica venendo meno la gratuità per effetto della retribuzione in natura dei veicoli assegnati ai dipendenti in uso promiscuo lavoro-tempo libero. Ne consegue che per tali veicoli non si deve fare alcun adempimento, nemmeno per gli atti posti in essere dal 3 novembre 2014 anche nel caso in cui la disponibilità ecceda i 30 giorni continuativi (è comunque
suggeribile, a titolo precauzionale, tenere a bordo del veicolo copia del contratto da cui si evinca il fringe-benefit);

2) l’utilizzo di veicoli aziendali in modo promiscuo, ovvero impiegati per l’esercizio dell’attività lavorativa ed utilizzati dal dipendente anche per raggiungere la sede di lavoro o la propria abitazione, in quanto qui viene meno l’uso esclusivo e personale del veicolo. Pertanto, anche in questo caso non si deve fare alcun adempimento (né notifica all’Archivio Nazionale Veicoli, né aggiornamento della carta di circolazione), nemmeno per situazioni che vengono a crearsi a partire dal 3 novembre 2014 e se la disponibilità eccede i 30 giorni (può essere utile, a titolo precauzionale, tenere a bordo del veicolo, una delega
aziendale in carta semplice o intestata per l’utilizzo del veicolo in modo non esclusivo e non personale);

3) l’utilizzo di un veicolo aziendale per la cui guida si alternino più dipendenti, in quanto non si verifica l’esclusività e la personalità dell’utilizzo del veicolo aziendale stesso e nemmeno la continuità temporale dello stesso: ne deriva che anche in questo caso, non si deve fare nessun adempimento (può essere utile, a titolo precauzionale, tenere a bordo del veicolo, una delega aziendale in carta semplice o intestata in cui si elencano tutti i dipendenti autorizzati all’utilizzo del veicolo a seconda delle loro necessità lavorative, al solo fine di agevolare eventuali controlli su strada).

Pertanto, si dovrà provvedere all'aggiornamento della carta di circolazione solamente nel caso in cui l'utilizzo in comodato del veicolo aziendale sia concesso per uso esclusivo e personale dell'utilizzatore non intestatario.

Veicoli trasporto merci conto terzi e conto proprio
Resta per ora confermato che le procedure non riguardano i veicoli iscritti al REN-Registro Elettronico Nazionale (autobus ed autocarri
destinati al trasporto merci in conto terzi) o autocarri muniti di licenza in conto proprio.

Locazione senza conducente
Per periodi superiori a 30 giorni, la disposizione regolamentare, nonché la circolare ministeriale del 10 luglio 2014, impone un obbligo di comunicazione finalizzato al solo aggiornamento dell’Archivio Nazionale dei Veicoli, senza necessità di emissione del tagliando di aggiornamento della carta di circolazione.
Viene infatti rilasciata, in tempo reale, unicamente una ricevuta attestante l’assolvimento di detto obbligo e contenente l’indicazione: del nominativo del locatore, delle generalità del locatario e della sua residenza (anche estera), se si tratta di persona fisica; della denominazione e della sede principale o secondaria (in Italia o all’estero) del locatario, se si tratta di persona giuridica; della scadenza del contratto di locazione.
Per la regolarità della circolazione, non è prescritto che la predetta ricevuta debba essere tenuta a bordo del veicolo locato senza conducente (ma è suggeribile averne copia); pertanto, la sua mancanza non costituisce violazione suscettibile di sanzione in sede di controllo su strada.
L’obbligo è per gli atti posti in essere dal 3 novembre 2014.
La circolare del 27 ottobre 2014 prevede che la delega dell’avente causa (locatario o sub-locatario) in favore del dante causa (locatore) può essere ora comprovata a mezzo dichiarazione sostitutiva di atto notorio, utilizzando non i modelli A/1 e A/2 della circolare del 10 luglio 2014, bensì la dichiarazione del locatore di cui al modello A/3 della circolare del 27 ottobre 2014.
Infine, la nuova circolare stabilisce che se alla scadenza della locazione il locatore non effettua ulteriori comunicazioni, il contratto si intende implicitamente prorogato fino a quando il locatore stesso non comunichi che il veicolo è rientrato nella propria disponibilità o non comunichi il nominativo di un nuovo locatore (viene così meno l’automatismo del rientro nella disponibilità del locatore, previsto dalla precedente circolare del 10 luglio 2014).






Circolare Mintrasporti 27.10.2014.pdfCircolare Mintrasporti 27.10.2014.pdf

© Confindustria Vicenza - 2014



Altre notizie sull'argomento


Per maggiori informazioni rivolgersi:
Area Legale e Urbanistica
Piazza Castello 3 - 36100 Vicenza
tel. 0444 232500 - fax 0444 232695
email: legale@confindustria.vicenza.it